EMERGENZA CORONAVIRUS - SEZIONE IN CONTINUO AGGIORNAMENTO CON LE PRINCIPALI NOVITA' SUL COVID19

Tutta l’Italia è diventata zona protetta con il DPCM sottoscritto la sera del 9 marzo dal presidente del Consiglio dei ministri, che ha esteso le misure restrittive già applicate per la Lombardia e le 14 province del nord più colpite dal contagio di coronavirus a tutto il territorio nazionale. Per effetto del Dpcm 10 aprile 2020 tutte le misure per contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus sono prorogate fino al 3 maggio 2020. Dal 4 maggio, è iniziata la "fase 2" che consente una graduale riprese delle attività.
DPCM 18 OTTOBRE 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 18 ottobre 2020 contenente nuove misure restrittive di contrasto e contenimento dell'emergenza Covid-19: 🍕attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze 🔢 obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, con massimo 6 persone ogni tavolo 🎰 le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8,00 alle ore 21,00 🕺 sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso. Vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto 🤵 👰 Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti 🏠 Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di evitare di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei 🥪 Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale 🛑 sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza ⚽️ L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni. Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale 👨‍💻nell’ambito delle P.A. le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni ; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza 👨‍🏫 l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.00 👨‍🎓 Le università predispongono piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative 🚷 I sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private 📅 Il dpcm entrerà in vigore il 19 ottobre

DPCM 13 OTTOBRE 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 13 ottobre 2020 sulle misure di contrasto e contenimento dell'emergenza Covid-19. In fondo alla pagina il testo integrale.

PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA AL 31/01/2021

Il Consiglio dei Ministri n. 66, ha deliberato la proroga, fino al 31 gennaio 2021, dello stato d’emergenza dichiarato in conseguenza della dichiarazione di “emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale” da parte della Organizzazione mondiale della sanità (OMS). E' stato inoltre ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020.

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO DALL'AGENZIA DELLE ENTRATE

L’Agenzia delle Entrate, con un provvedimento e una guida operativa, indica le modalità per richiedere il contributo a fondo perduto destinato a imprese e partite Iva colpite dalle conseguenze economiche dell’emergenza Covid-19. La domanda va presentata dal 15 giugno al 24 agosto

VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI DAL 03 GIUGNO

Dal 3 giugno è possibile spostarsi liberamente tra le regioni e tra i paesi dell'area Schengen, non è più necessaria alcuna autocertificazione per gli spostamenti. Occorre, in ogni caso rispettare il distanziamento sociale e le norme anticontagio.

DECRETO RILANCIO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il "Decreto Rilancio", recante numerosi interventi a favore di imprese e famiglie per la ripartenza dell'economia. In fondo alla pagina l'informativa dedicata dello studio

DPCM 17 MAGGIO: LINEE GUIDA PER IL CONTENIMENTO DELL'EMERGENZA

Il Decreto del 17 maggio 2020 recante le misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 è stato firmato dal Presidente del Consiglio ed è in vigore dal 18/05; è inoltre stato recepito, integrato e leggermente modificato dal decreto del governatore della regione Piemonte. In fondo alla pagina i testi completi delle disposizioni e le linee di indirizzo per le riaperture in Piemonte.

DECRETO 26 APRILE

Il Presidente del Consiglio ha annunciato in conferenza stampa le misure per il contenimento dell'emergenza Covid-19 nella cosiddetta "fase due", dalla circolazione delle persone alla graduale ripartenza delle imprese del 04 maggio. In fondo alla pagina è possibile scaricare l'informativa dello studio e gli allegati completi al DPCM.

DECRETO LIQUIDITA'

Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonche' interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.

DPCM 10 APRILE 2020

Il Presidente del Consiglio ha annunciato di aver firmato il nuovo Dpcm con cui vengono prorogate fino al 3 maggio le misure restrittive sin qui adottate per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

DECRETO #CURAITALIA

È stato pubblicato sulla G.U. n. 70 del 17 marzo 2020, il D.L. 18/2020, recante misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ribattezzato “Cura Italia”, le cui norme hanno effetto a decorrere dallo stesso giorno di pubblicazione. Fra le misure più importanti, la modifica degli strumenti di sostegno al reddito rispetto all’utilizzo del Fondo di Integrazione Salariale e sulla Cassa Integrazione in Deroga coprendo tutte le aziende fino ad un solo dipendente, norme sul lavoro agile, sui congedi parentali e sul sostegno al reddito di alcune forme di lavoro autonomo e sul credito d'imposta per i canoni di locazione del mese di marzo per gli immobili di categoria C/1.

LE F.A.Q. DEL GOVERNO

I principali dubbi dei cittadini vengono chiariti dal governo con alcune F.A.Q. da consultare. Potete cliccare sul sito per accedere direttamente.

RIPARTENZA GRADUALE DAL 18 MAGGIO

Il Consiglio dei Ministri n. 46 ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il decreto delinea il quadro normativo nazionale all’interno del quale, dal 18 maggio al 31 luglio 2020, con appositi decreti od ordinanze, statali, regionali o comunali, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche, produttive e sociali.

QUALI NEGOZI POSSONO RIMANERE APERTI?

ll Dpcm 10 aprile 2020 ha prorogato al 3 maggio le misure restrittive per contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus. Alcune attività, identificate da alcuni codici ateco, possono continuare.

COSA DEVE FARE L'AZIENDA PER RIAPRIRE?

Misure efficaci di salute e sicurezza dei lavoratori dovranno essere garantite in tutte le aziende grazie a un protocollo raggiunto oggi tra sindacati e imprese in accordo con il Governo. Uffici e aziende devono garantire un ambiente salubre in vista della riapertura e in vista della fase 2, la ripresa delle attività produttive rimaste chiuse, imprese, aziende e locali pubblici si dovranno attenere al protocollo siglato.

© 2017 Studio Isoardi - STAC srl - CF e PIVA: 00425120045 - VIA P.C. Boggio 41 - Cuneo - All rights Reserved -

Privacy